martedì 6 gennaio 2015

Parma sportiva solidale

Accompagnato da un bel sole e cielo terso, questa mattina sono andato alla non competitiva nel Quartiere Montanara per raccogliere fondi da destinare a chi è stato colpito dalla pesante alluvione del 16 ottobre scorso(Domenica scorsa gara competitiva al Campus per raccolta fondi Campo scuola).
Ebbene il cuore degli Sportivi parmigiani non ha tradito: 632 iscritti(con offerta libera).
Erano previsti percorsi per runner, biker e semplici camminatori.
Io ho scelto il percorso da 10 km che, ironia della sorte, dopo circa 6 km mi ha riportato(letteralmente) a casa. Ovviamente non mi sono fermato ma ho proseguito fino al traguardo.
Una volta tagliato il simbolico arrivo, ho bevuto qualcosa e sono tornato a casa(questa volta sul serio). Totale km 13.5.
La cosa che mi ha colpito è che erano presenti runner molto forti che, in altre situazioni, mai si sarebbero presentati ad una "non competitiva". Molti hanno corso a fianco di noi "tapascioni" senza guardare il cronometro.
Parma, con la sua gente, si è dimostrata ancora una volta una città solidale.
Auguriamoci che chi deve fare la sua parte la faccia, in modo da scongiurare il ripetersi di queste sciagure: a buon intenditor....

venerdì 2 gennaio 2015

A volte ritornano...

A volte ritornano...
Avevo abbandonato il blog quattro anni fa per pigrizia, scarsa motivazione e poca voglia di raccontare, Ora proviamo a ripartire.
Il 2015 è cominciato di corsa, rispettando una tradizione istituita dal nostro segretario dell'Atletica Manara Graziano Berti.
Per cui alle 10 in punto di un Capodanno gelido, un discreto numero di runner hanno preso il via per una sgambata attraverso la Cittadella, il Parco Ducale per poi approdare in Piazza Garibaldi per la consueta foto di gruppo. Gambe imballate(non certo per il troppo allenamento dei giorni precedenti), ma tanta allegria e voglia di cominciare un nuovo anno correndo.
Auguro a tutti un 2015 di salute e fortuna, fortuna con la "C" maiuscola.

lunedì 25 ottobre 2010

Sassolini nelle scarpe


Ieri è stata una bella giornata. Ho partecipato all'ultima tappa del circuito Gzzetta dello Sport "THE R.U.N.", svoltasi a Fidenza(20 km da Parma). Sono contento perchè ho corso bene ed ho fatto un buon tempo:10km(9800mt sul mio Garmin) in 45,31(4.40 al km). Il percorso era disegnato su un circuito non scorrevolissimo da ripetere tre volte con curve, due rotonde ed addirittura il passaggio nel viale dell'outlet commerciale, sponsor dell'evento. Forse sono piccole soddisfazioni, ma è naturale che ognuno di noi si ponga obiettivi(grandi o piccoli che siano) in quello che fa. Ho cominciato a correre nel 2006, in quanto accompagnavo mia figlia alle garette campestri. Osservando che dopo le gare dei ragazzi c'erano anche quelle degli amatori, avevo pensato di unire l'utile al dilettevole. E pian piano sono entrato in questo mondo in maniera disincantata ma sempre pronto a mettermi in gioco con il pettorale sul petto.
Le cartucce da agonista(ciclismo), ahimè, le ho sparate in gioventù(dai 14 ai 18 anni), ma oltre a qualche piazzamento nei primi quindici non sono andato.
Migliorarsi anche di poco mi rende contento, ma cerco sempre di mantenere, nell'approccio alla competizione, un aspetto ludico.
Anche se ieri avevo dei sassolini nelle scarpe che ormai andavano tolti. Mettere in fila chi ti aveva aspettato per stringerti la mano dopo averti dato dei minuti in una gara di 8km, chi ti corre costantemente sui tacchi per poi sprintare negli ultimi 150metri, non ha prezzo. Ad aspettare dopo il traguardo ieri è toccato a me. Quando ci vuole, ci vuole!

lunedì 18 ottobre 2010

Sweet Manu


Aveva cominciato correndo in Cittadella ed era inconfondibile: cappellino da baseball calato sugli occhi e immancabile i-pod. Qualche volta si faceva qualche giro occasionale insieme. Poi io ho continuato ad andare "moderatamente piano", mentre lei è diventata una runner tra le prime 4 della nostra provincia, con ottime cose anche in maratona. Ma a dispetto di altri che se la tirano esageratamente e che non farebbero mai giri con runner da 4.45/5.00 al km, quando c'era l'occasione si univa per fare due chiacchiere inanellando giri sui bastioni. L'ultima volta che ci si era incrociati in Cittadella era quasi un anno fa, ma venerdì scorso in pausa pranzo vado al Parco per l'allenamento e sul primo rettilineo vedo una sagoma esile ed inconfondibile, che corre con un altro forte atleta ducale. Aumento subito il passo e li raggiungo. Il tempo di tirare il fiato e via con le domande che si fanno a chi non vedi da un anno. Mi dice che si è trasferita a Livigno. Non mi va di chiedere i motivi di questa scelta, perche' sono cose che o ti vengono dette oppure che per rispetto non chiedi. L'ho trovata serena e felice di questa sua scelta e ciò può bastare. A presto e "good luck" Manu.

mercoledì 13 ottobre 2010

MAH...


Ieri sera ho assistito allo spettacolo deprimente di quella che doveva essere una partita di calcio. Cercherò di non cadere nel terreno scivoloso della retorica, anche se l'avvenimento si presta benissimo a rovinose cadute. E' bastato sentire i commenti dei telecronisti che, seppure in diretta e non preparati ad una cosa simile, hanno sciorinato tutto il repertorio di banalità che generalmente si sentono in questi casi. I rimpalli di responsabilità, ad ogni livello istituzionale, che si stanno susseguendo in queste ore, secondo il mio parere sono un tantino sterili. Mi chiedo cosa ci si poteva aspettare da un gruppo di persone/tifosi(?)che nell'avvicinarsi allo stadio hanno "ordinatamente" divelto cartelli stradali, danneggiato auto in sosta ed imbrattato i muri della città. Forse andavano fermati prima? Mah. Come mai in Inghilterra, patria dei temuti Hooligans, queste cose non succedono più? I teppisti sono diventati angeli? No, è solo che se tu in uno stadio commetti un reato(si chiama così), finisci in cella ed hai una pena tale che poi non credo che si abbia voglia di reiterarla in futuro.
D'altra parte sono d'accordo con chi sostiene che in fondo, quello che a volte(spesso) succede negli stadi(di calcio) è il riflesso di ciò che succede quotidianamente nella vita di tutti i giorni. Gli agghiaccianti fatti di cronaca di questi giorni sono lì a ricordarcelo. Provate a pensarci.

martedì 14 settembre 2010

CARIPARMA RUNNING 2010


Il 12 settembre scorso ho preso parte alla manifestazione che si è svolta nella mia città: la "Cariparma running 2010". Forse sono di parte(è organizzata dal Cus Parma, la mia società), ma questa edizione mi è sembrata in totale simbiosi con la città. Nonostante che l'anello di 10550 m (da ripetere 1, 2 o 3 volte) fosse disegnato interamente nel centro storico della città, nessun gesto di disapprovazione da parte degli automobilisti o discussioni varie. Credo sia un comportamento maturo e civile. Io ho partecipato alla 10km, tradendo per la prima volta l'amata mezza. La distanza non l'avevo nelle gambe e non valeva la pena di forzare.
Ho cominciato le infiltrazioni al ginocchio di acido ialuronico. Le ho fatte in via preventiva, dopo averle sempre rimandate, per salvaguardare il ginocchio sinistro operato al menisco due anni fa. Sembra che funzionino! Non voglio darmi obiettivi particolari, ma una mezza nel 2010 vorrei proprio farla. Vedremo, forse Pisa il 19 dicembre. Per ora continuo gli allenamenti di costruzione alla distanza.

lunedì 6 settembre 2010

BYE-BYE ALIMINI




Purtroppo sono terminate. Una settimana è volata e da oggi ho ricominciato con la routine quotidiana. Anche la città ha ripreso le sembianze solite con traffico e code. Ok non disperiamo! Sono stato in Puglia, precisamente ad Alimini(10 km da Otranto), in un villaggio vacanze, ripetendo l'esperienza fatta ormai tanti anni fa. Il villaggio è immerso in una immensa pineta mediterranea adiacente al mare, molto bello e pulito. Questo tipo di vacanza ti limita un tantino nelle escursioni, ma quest'anno abbiamo accontentato la figlia che si è divertita come mai. Come dicevo nel mio ultimo post: "..le scarpette sono già in valigia". Ebbene il capo villaggio Stefano, oltre ad essere un ottimo kite surfer, è anche un appassionato di running. Tombola!! Il gruppetto si è presto formato ed abbiamo effettuato tre uscite(7,4 - 8 e 10,5 km), puntuali alle 17, con percorsi misti che sconfinavano nel trial. I passaggi in prossimità di scogliere a picco sul mare erano fantastici e al diavolo se la velocità in quei punti non era eccessiva! Poi tornati sull'asfalto, nel ritorno al villaggio, via libera per accelerate davvero non male. Le mie ginocchia non hanno gradito molto, ma ne e' valsa la pena.
Questi allenamenti però sono serviti, in quanto, nonostante le 10 ore di viaggio del sabato,
ieri ho partecipato alla seconda edizione della "Montanara running" di 10km, chiusa con il tempo di 48,56. Domenica parteciperò alla "Cariparma running"che si svolge nel centro storico della mia città. Vi sono tre gare(10,5-Mezza-30 km), e in questa edizione devo ripiegare per la prima volta sulla 10km. La mia preparazione in questo momento non mi consente di affrontare la mezza maratona. So che non sarete in tanti a leggere, ma se avete tempo fateci un pensiero. E' un opportunità di correre in centro storico e poi di visitare la città. Se volete informazioni: http://www.cusparma.it/cusparma/CusParma.asp?idAtt=46